[ Notizie ]
Chievo, chi sono i Gate 7? «Diversi e malsopportati»
12 Maggio 2015 - letto 6303 volte

Non sono particolarmente numerosi. Erano 25, poi cinque di loro sono stati daspati. Di se stessi dicono: «Siamo diversi, la nostra condotta si sposa ben poco con lo stereotipo del tifoso clivense». Dopo il derby del novembre 2013, al termine del quale alcuni sostenitori del Chievo avevano lamentato aggressioni e violenze, avevano fatto scalpore prendendo le distanze da queste denunce, dicendo, testuale, che «molti sostenitori clivensi hanno iniziato a stuzzicare i veronesi, le stesse persone che poi avevano denunciato le violenze». Concludevano cosi: «Chi segue la propria squadra in trasferta è conscio del fatto che c'è la possiblità di passare delle ore nel settore ospiti prima di uscire. E noi al derby eravamo ospiti». Una mentalità molto vicina a quella ultras e quindi molto lontana da quella dei tifosi della Diga. Per il North Side, ovvero la curva del Chievo, il concetto è: «Siamo sostenitori, non ultras. A noi interessa solo supportare la squadra, tutto il resto non conta». La differenza di vedute fra i due gruppi ha portato, qualche anno fa, alla mini-scissione e alla nascita del Gate 7. Sono giovani e giovanissimi e chiedono il ritorno al biancoazzurro, primissimo colore del club. Allo stadio e in trasferta si posizionano a pochi metri dal cuore storico del North Side, a volte intonando cori diversi da quelli del resto della curva. Dopo il derby d'andata cinque di loro sono stati sottoposti a Daspo, ovvero il divieto di accedere a manifestazioni sportive, per aver teso un bandierone, sotto al quale erano state accese alcune torce e un petardo caduto poi nel parterre sottostante la curva nord. «Sappiamo bene a cosa andiamo incontro portando avanti la nostra mentalità», avevano affermato in un comunicato pubblicato dal sito ultras «Tutto Curve», «e abbiamo sempre pagato quando abbiamo commesso degli errori. Tuttavia in questo caso l'accanimento nei confronti di cinque ragazzi del gruppo ci sembra  esagerato, per non dire addirittura ridicolo. Evidentemente», scrivevano, «c'è una certa volontà da parte di qualcuno di limitarci perché diamo fastidio per il nostro modo di vivere lo stadio». Il Gate 7 ha rapporti praticamente inesistenti con la società, che pure solitamente usa tessere legami con i diversi club e gruppi, e non ha né siti né pagine Facebook dove raccogliere adesioni a trasferte o iniziative. Uno di loro sarebbe stato protagonista di una contestazione particolarmente violenta contro l'attaccante clivense Riccardo Meggiorini, «colpevole» di tifare Hellas. Sempre nel comunicato dello scorso dicembre, dicevano: «Dalle difficoltà usciremo più forti. Più forti di chi ci vuole morti».

Fonte: larena.it
Notizie correlate Chievo
Altre notizie
29 Ottobre 2020 - Cosa significa essere ultras? Essere ULTRAS significa essere a difesa della città, in ogni Suo aspetto e sfaccettatura. Essere...
27 Ottobre 2020 - “Avete distrutto la pescaresità...Fuori da questa città”. Recita così uno striscione della tifoseria...
27 Ottobre 2020 - Non è un periodo semplice per la Cavese. Dopo la sconfitta contro il Monopoli per 0-1, alcuni esponenti della tifoseria si sono...
22 Ottobre 2020 - Ancora una volta siamo costretti ad alzare la voce. Ancora una volta in questa Città è difficile investire o fare sport....
16 Ottobre 2020 - Curva Nord Ancona comunica che, viste e considerate le nuove normative di accesso allo stadio uscite nell'ultimo decreto, ha deciso di...
15 Ottobre 2020 - Un momento non facile per l'Arezzo, che in campionato non sembra aver ancora trovato la giusta quadra: un solo punto in quattro gare e...
13 Ottobre 2020 - Nonostante la vittoria con il Potenza, alcuni ultras rossoneri hanno manifestato davanti al comune l’attuale società....
Stai ascoltando
Onair
   
Videotifo
Entrada Inter x Goiás - Força INTER!
Inter rumo ao Japão (Internacional Porto Alegre)
MANIFESTAZIONE NAZIONALE ULTRAS IN ANCONA 28 APRILE
MANIFESTAZIONE IN ANCONA 28 APRILE 2007, no al decreto amato perche' non dobbiamo chiedere il permesso a nessuno per essere liberi
Ultras Napoli a Firenze
Corteo Iniziale Trasferta di Firenze 2003/2004

Calciomercato a cura di
TIFO-Net informa