[ Notizie ]
Lazio, niente più "Irriducibili": da sabato i leader della Nord cambiano nome
28 Febbraio 2020 - letto 982 volte

Un cambiamento storico. Dopo quasi 33 anni, in Curva Nord non si leggerà più la parola "Irriducibili". Lo ha riportato il Messaggero, si attendeva solo il comunicato ufficiale del gruppo: che è arrivato. I leader del tifo organizzato biancoceleste voltano pagina, cambiano nome. "Irriducibili" appartiene al passato, dal termine di Lazio - Bologna (in programma sabato, ndr) si identificheranno solo come "Ultras Lazio". Come spiega il gruppo tramite la seguente nota.

"IRRIDUCIBILI SE SE SEMPRE, IRRIDUCIBILI O OVUNQUE”.

Come per tutte le cose della vita, esiste un inizio e, inevitabilmente, una fine. C’è un tempo per tutto. Anche su quelle storie fantastiche, gloriose, prima o poi, cala il sipario. L’importante è averle vissute queste storie. Da protagonisti, da leoni, anche pericolosamente. Senza rimpianti, senza rimorsi.
E allora, ad maiora Irriducibili!

Proprio così, dopo trentatré anni abbiamo deciso di sciogliere il gruppo che ha scritto pagine importanti di storia, gloriose, che ha semplicemente rivoluzionato il panorama ultras, non soltanto italiano, ma anche internazionale. Un gruppo invidiato dal mondo intero che, purtroppo, ha perso 7 mesi fa uno dei suoi e dei nostri leader più carismatici: Fabrizio. 

Momenti esaltanti, difficili, giorni felici e tristi. Momenti che ci hanno fatto sentire vivi in un mondo di morti. Tutto è iniziato quell’ormai lontano 18 ottobre 1987, quando, in un tranquillo Lazio-Padova, apparve sulle gradinate dello Stadio Olimpico lo striscione Irriducibili. 10 metri di stoffa, scritta bianca, sfondo blu. Un nome che diventerà ben presto il nostro simbolo. Il nostro guanto di sfida al mondo intero.

Il corteo di San Benedetto del Tronto è ancora vivo nelle menti di tutti. Le trasferte di Bergamo, Brescia, Napoli e Catanzaro tra tutte, lo scudetto conquistato a via Allegri, gli scontri con le altre tifoserie, le rivalità. Le iniziative benefiche e la solidarietà.

Irriducibili ha voluto esprimere la nostra volontà di non piegarci a nessun compromesso, al sissignore e al politicamente corretto. “Non siamo cani perché senza padrone! Non siamo sciolti, Irriducibili ci unisce”, recita uno striscione dei primi anni.
 
Un monito da tramandare di generazione in generazione, da padre in figlio.

Ma ora è tempo di andare avanti. Troppo sangue versato, diffide, arresti. Sempre a testa alta, abbiamo pagato sulla nostra pelle ogni situazione. Ed anche per rispetto di chi non c’è più siamo arrivati a questa decisione. Inevitabile.
Ci sentiamo in dovere di ringraziare tutti. Ogni singolo componente che ha fatto parte del gruppo in questi trentatré lunghissimi anni. Sempre presente malgrado tutto.

Dai fondatori, ai partecipanti. Da chi ci ha lasciato troppo presto, a chi combatte ancora con orgoglio. Da chi ha pagato con la libertà, a chi si è sporcato solo una mano di vernice. Da chi ha portato le aste delle bandiere, a chi ogni domenica era lì, in prima fila. Da chi ha portato le pezze, a chi ha passato notti insonni in sede. Da chi ha pianto, a chi ha riso. Da chi ci ha sempre creduto, a chi ha smesso di farlo. A chi anche solo una volta è stato su quel famoso muretto... a chi ha contribuito alle scenografie, a chi ha subito perquisizioni. 

Un manipolo di fratelli che di generazione in generazione ha saputo portare avanti un ideale di vita, di lazialità. perché noi siamo stati Irriducibili e lo siamo ancora. Siamo stati rivoluzionari e lo siamo ancora. Un mix di aggregazione sociale, originalità, trasgressione senza eguali e goliardia. Irriducibili è stata una fucina di idee, di innovazioni, di una mentalità ultras sconosciuta fino a quel momento.

Da oggi ci sarà una svolta epocale. Senza precedenti per la Nord. Per la prima volta in curva sarà presente soltanto uno striscione, dietro il quale si identificherà tutta la tifoseria laziale: Ultras Lazio. Con la stessa voglia di sempre. Stesso entusiasmo, stessa adrenalina. E, soprattutto, con lo stesso spirito di quelli che eravamo, siamo e saremo.
 
Sempre irriducibili dentro, perché il futuro è solo il ricordo di uno stupendo passato...

Notizie correlate Comunicato
Altre notizie
14 Luglio 2020 - «Due città ancora in lutto, ma per ripartire avete fatto di tutto... Migliaia di morti... tanto dolore... in campo per un...
14 Luglio 2020 - Anconitana: i fatti risalgono allo scorso febbraio, durante una partita tenutasi al Ciarrocchi, a San Benedetto del Tronto, quando i tre...
14 Luglio 2020 - Allo Stadio dei Marmi non è bastato un pareggio alla Juventus Under 23, che ha visto la qualificazione della Carrarese. La squadra di...
14 Luglio 2020 - Un paio di intoppi da risolvere a stretto giro. Un incontro tra Como1907, amministrazione comunale e tifosi. La volontà di arrivare...
13 Luglio 2020 - Gli ultras del Cattolica Calcio fanno sentire la loro voce. A scatenare l’ira del cuore della tifoseria giallorossa le voci relative...
13 Luglio 2020 - “Il tempo mette ognuno al proprio posto, ogni regina sul suo trono, ogni pagliaccio nel proprio circo”: è questo lo...
13 Luglio 2020 - Il Parco Robinson si trova nel quartiere Pilastro, di fronte alla discoteca Subway, dove una volta c’era l’Ok Center. Il...
Stai ascoltando
Onair
   
Videotifo
LAZIO FIORENTINA TIFO VIOLA (WWW.INTERNATIVIOLA.TK)
Grande tifo dei tifosi viola all'Olimpico , curva in trasferta 22/4/07
AS Saint-Étienne 3:0 Olympique Lyon 30.11.2014 Support
by Stimmen der Kurve https://www.youtube.com/user/schwabenjunge1991
Coreografia Inter-Milan
Coreografia Inter-Milan 24 febbraio 2013
LA SCARPATA DELLO STADIUM
La scarpata dello Stadium merita un piace. Questa è una delle tante dimostrazioni che sia la curva Nord e sia il Curi vincono sempre. SIAMO SEMPRE AL SUO...
Fuori il Fiato comincia il divertimento - ultras Palermo
Una canzone argentina conquista i tifosi Curva Nord Inferiore, per sapere il testo e per saperne di più:...

Calciomercato a cura di
TIFO-Net informa