[ Notizie ]
Como: caos dopo il derby con il Varese
04 Dicembre 2019 - letto 1785 volte

I fatti risalgono alla giornata del 14 gennaio 2018, un pomeriggio di caos e disordini a seguito del derby Como Varese in programma allo stadio Sinigaglia. Quel giorno l’intera zona attorno allo stadio, compresi viale Fratelli Rosselli e viale Masia, venne sequestrata da gruppuscoli di ultras azzurri che inscenarono una manifestazione prima dell’arrivo dei tifosi del Varese e alla loro ripartenza, al termine della partita.

Scene di guerriglia urbana, con l’accensione di torce e fumogeni. E l’aria squarciata da urla e cori da stadio, mentre i reparti antisommossa di polizia e carabinieri cercavano di contenere l’onda d’urto di tutte quelle persone, di fatto un corteo in mezzo alla strada, con la viabilità paralizzata e i bus fermi.

Fatti per i quali appena tre settimane dopo la Questura di Como aveva emesso 25 divieti di accesso a manifestazioni sportive (daspo), a carico di altrettanti tifosi del Como.

Ma la Procura aveva anche aperto una inchiesta su quello che era successo quel pomeriggio, per appurare fatti e reponsabilità in capo ad ognuno dei partecipanti a quella che era sembrata come una vera e propria sommossa. L’inchiesta si è conclusa ed è arrivata sul tavolo del giudice per l’indagine preliminare Maria Luisa Lo Gatto, che ha firmato 24 decreti penali di condanna a carico di altrettanti soggetti, riconosciuti sulla base delle fotografie scattate dagli agenti della Digos e dai video che sono stati allegati al fascicolo dell’indagine. Si possono definire tre posizioni differenti, sulla base dei reati contestati ad ognuno: per venti persone il rilievo è di avere partecipato a corteo non autorizzato e di avere interrotto un pubblico servizio (i bus fermi). Sono condannati a pagare un’ammenda di 4.500 euro.

A due, oltre ai due reati di cui sopra, di avere anche acceso torce e fumogeni, un reato specifico previsto dalla legge sugli stati del 1989: ammenda da 6.850 euro. Infine ad altri due contestato il reato di resistenza a pubblico ufficiale brandendo un fumogeno. Il conto presentato è di 6.750 euro.

Tutti i destinatari dei decreti penali di condanna hanno ora quindici giorni per presentare opposizione o chiedere la sospensione del procedimento penale, con la messa alla prova.

Notizie correlate Como
Altre notizie
29 Ottobre 2020 - Cosa significa essere ultras? Essere ULTRAS significa essere a difesa della città, in ogni Suo aspetto e sfaccettatura. Essere...
27 Ottobre 2020 - “Avete distrutto la pescaresità...Fuori da questa città”. Recita così uno striscione della tifoseria...
27 Ottobre 2020 - Non è un periodo semplice per la Cavese. Dopo la sconfitta contro il Monopoli per 0-1, alcuni esponenti della tifoseria si sono...
22 Ottobre 2020 - Ancora una volta siamo costretti ad alzare la voce. Ancora una volta in questa Città è difficile investire o fare sport....
16 Ottobre 2020 - Curva Nord Ancona comunica che, viste e considerate le nuove normative di accesso allo stadio uscite nell'ultimo decreto, ha deciso di...
15 Ottobre 2020 - Un momento non facile per l'Arezzo, che in campionato non sembra aver ancora trovato la giusta quadra: un solo punto in quattro gare e...
13 Ottobre 2020 - Nonostante la vittoria con il Potenza, alcuni ultras rossoneri hanno manifestato davanti al comune l’attuale società....
Stai ascoltando
Onair
   
Videotifo
Ultras Brescia Tempi d'Oro
Ecco i veri ultras Brescia quando non facevano i cazzoni tra di loro per le loro idee differenti!! Torneremo grandi!! (Bresciana)
Preparativi festa centenario
TORINO EMPOLI 100ANNI DI STORIA (Torinese)
milan Fiorentina Viola Ultras
Fiorentina Viola Ultras (Fiorentina)
rissa tra ultras
rissa tra ultras ()
empoli parma
ennesimo gemellaggio delle tifoserie peccato ke nn si può essere neppure + amici hanno vietato tutto

Calciomercato a cura di
TIFO-Net informa