[ Notizie ]
Como: caos dopo il derby con il Varese
04 Dicembre 2019 - letto 1626 volte

I fatti risalgono alla giornata del 14 gennaio 2018, un pomeriggio di caos e disordini a seguito del derby Como Varese in programma allo stadio Sinigaglia. Quel giorno l’intera zona attorno allo stadio, compresi viale Fratelli Rosselli e viale Masia, venne sequestrata da gruppuscoli di ultras azzurri che inscenarono una manifestazione prima dell’arrivo dei tifosi del Varese e alla loro ripartenza, al termine della partita.

Scene di guerriglia urbana, con l’accensione di torce e fumogeni. E l’aria squarciata da urla e cori da stadio, mentre i reparti antisommossa di polizia e carabinieri cercavano di contenere l’onda d’urto di tutte quelle persone, di fatto un corteo in mezzo alla strada, con la viabilità paralizzata e i bus fermi.

Fatti per i quali appena tre settimane dopo la Questura di Como aveva emesso 25 divieti di accesso a manifestazioni sportive (daspo), a carico di altrettanti tifosi del Como.

Ma la Procura aveva anche aperto una inchiesta su quello che era successo quel pomeriggio, per appurare fatti e reponsabilità in capo ad ognuno dei partecipanti a quella che era sembrata come una vera e propria sommossa. L’inchiesta si è conclusa ed è arrivata sul tavolo del giudice per l’indagine preliminare Maria Luisa Lo Gatto, che ha firmato 24 decreti penali di condanna a carico di altrettanti soggetti, riconosciuti sulla base delle fotografie scattate dagli agenti della Digos e dai video che sono stati allegati al fascicolo dell’indagine. Si possono definire tre posizioni differenti, sulla base dei reati contestati ad ognuno: per venti persone il rilievo è di avere partecipato a corteo non autorizzato e di avere interrotto un pubblico servizio (i bus fermi). Sono condannati a pagare un’ammenda di 4.500 euro.

A due, oltre ai due reati di cui sopra, di avere anche acceso torce e fumogeni, un reato specifico previsto dalla legge sugli stati del 1989: ammenda da 6.850 euro. Infine ad altri due contestato il reato di resistenza a pubblico ufficiale brandendo un fumogeno. Il conto presentato è di 6.750 euro.

Tutti i destinatari dei decreti penali di condanna hanno ora quindici giorni per presentare opposizione o chiedere la sospensione del procedimento penale, con la messa alla prova.

Notizie correlate Como
Altre notizie
29 Settembre 2020 - O TUTTI O NESSUNO! Da oltre 15 anni aspettavamo questo momento, il tanto sospirato ritorno in D. Ma i recenti provvedimenti ci impongono...
29 Settembre 2020 - Assenti al Manuzzi di Cesena a causa della limitazione della capienza e dopo la precisa scelta di tornare a tifare allo stadio solo quando...
28 Settembre 2020 - A pochi giorni dalla prima di campionato, che segnerà il ritorno tra i professionisti dopo 20 anni passati in categorie inferiori,...
28 Settembre 2020 - I tifosi della Curva Ovest hanno scelto: non torneranno allo stadio sino a quando le misure previste di distanziamento sociale negli...
28 Settembre 2020 - O TUTTI O NESSUNO: LA NOSTRA PASSIONE NON HA LIMITI In seguito alla decisioni ministeriali riguardo le normative AntiCovid-19, che...
28 Settembre 2020 - Con l'inizio della nuova stagione vogliamo esprimere il nostro punto di vista sulla questione legata alla riapertura degli stadi. Non...
28 Settembre 2020 - Riportiamo in seguito il comunicato della Curva Ferrovia: In merito alla riapertura degli stadi, della riduzione dei posti e alle varie...
Stai ascoltando
Onair
   
Videotifo
empolesi a verona giocare contro il chievo
gran casino contro il chievo VIOLA MERDA
Pisa in B Lungarni briai
Festa sui Lungarni contanto di fuochi
Fiorentina Milan 16/12 curv  fiesole  www.internativiola.tk
A big Show in Florence,italy last december 16th Fiorentina vs Milan,at Artemio franchi stadium Look at the show of viola fans in curva Fiesole with a...
i tifosi del Pescara Calcio - curva nord -
I tifosi del Pescara Calcio allo stadio Adriatico. Foto e striscioni 1997 - 2007.

Calciomercato a cura di
TIFO-Net informa