[ Notizie ]
Ravenna, vincono gli ultras, la rete di protezione in curva verrà abbassata
11 Agosto 2017 - letto 1531 volte

La questione della rete protettiva installata nella curva Mero dello stadio Benelli di Ravenna ha trovato soluzione quasi a tempo di record. “Grazie alla disponibilità e alla collaborazione della Questura – ha annunciato l’assessore allo sport Roberto Fagnani – è stato possibile individuare una soluzione che non pregiudichi la visione delle partite di calcio ai tifosi della curva Mero dello stadio Benelli e che allo stesso tempo salvaguardi la necessità di garantire le opportune misure di sicurezza. Al termine di un approfondito confronto si è deciso di prevedere un sistema che consenta di abbassare la rete e di alzarla in caso di necessità; all’eventuale compito di alzarla provvederà personale addetto alla sicurezza, che sarà presente durante le partite. I nostri uffici sono già al lavoro per mettere a punto le modalità tecniche di applicazione di tale alternativa, con l’obiettivo di renderla attuabile nel più breve tempo possibile”.

Fagnani ha accolto con favore la decisione, ma ha anche auspicato che non si debba ricorrere al ripristino della rete: “Ringrazio tutto il personale della Questura e il questore Rosario Eugenio Russo per la sensibilità e la disponibilità dimostrate nell’accogliere la nostra richiesta di cercare una soluzione. Come hanno fatto presente gli stessi tifosi della Mero, in più di cento anni si è verificato, 21 anni anni fa, un solo episodio di oggetti tirati dagli spalti. Naturalmente questo è stato un elemento che ha avuto un peso importante nella disponibilità della Questura ad ascoltarci e a individuare un sistema alternativo. Allo stesso tempo, la soluzione trovata comporta un’assunzione di responsabilità da parte della curva Mero. Il sindaco de Pascale e io ci auguriamo e confidiamo che i tifosi della Mero sapranno onorare questo impegno: fare in modo che quella rete non debba mai essere rialzata”.

Dal canto proprio, anche gli ultras della curva Mero che avevano sentitamente protestato («Intendiamo far valere l’unico diritto che è rimasto a chi si reca in uno stadio italiano: se si paga un biglietto o un abbonamento, si pretende di vedere la partita»), hanno accolto la notizia con favore: “Dopo il nostro comunicato dei giorni scorsi, dove si chiedeva il perché era stata montata la rete che divideva il campo dalla curva senza un apparente motivo, oggi gli organi competenti, usando il buonsenso, hanno deciso di rimuoverla”.

Notizie correlate Ravenna
Altre notizie
22 Ottobre 2019 - La Questura di Reggio Emilia ha avviato la procedura per l'emissione del Daspo a carico del paracadutista che domenica scorsa...
22 Ottobre 2019 - Fine delle relazioni. Con un lungo comunicato reso pubblico ieri attraverso il sito web ufficiale, lo Sporting Lisbona annuncia...
22 Ottobre 2019 - Denunciato dalla Digos di Trapani per aver rivolto, al termine della gara contro la Cremonese, epiteti razzisti nei confronti...
22 Ottobre 2019 - Non è stato un pre-partita facile per un gruppo di tifosi viola presenti ieri a Brescia. Come scrive il Corriere dello Sport –...
22 Ottobre 2019 - «La nostra passione non ha padrone, vivi la curva, onora la città». È questo il motto con cui una trentina di...
21 Ottobre 2019 - Un 17enne, già colpito da Daspo, ha tentato di entrare allo stadio per assistere, ieri, alla partita tra A.S.D. Troina e Marsala...
21 Ottobre 2019 - I cori e gli sfottò sugli spalti durante il derby tra Rimini e Cesena, per alcuni, evidentemente non erano bastati. Tanto che un...
Stai ascoltando
Onair
   
Videotifo
ULTRAS SIENA
CURVA ROBUR NON MOLLARE
Preparativi festa centenario
TORINO EMPOLI 100ANNI DI STORIA (Torinese)
07-08 S.Angelo-Bano La coreografia ultras
2007-08 S.Angelo - Sancolombano 1-1 Spareggio Play-out gara di andata La coreografia Ultras
ultras inter - inter v porto 3-1
make sure you go to: www.always-inter.com coreography display from la curva nord, during CL quarter final verse Porto (Boys)
MANIFESTAZIONE NAZIONALE ULTRAS IN ANCONA 28 APRILE
MANIFESTAZIONE IN ANCONA 28 APRILE 2007, no al decreto amato perche' non dobbiamo chiedere il permesso a nessuno per essere liberi

Calciomercato a cura di
TIFO-Net informa