[ Notizie ]
Catania-Reggina: rimangono a casa anche i tifosi ospiti che avevano il biglietto
17 Maggio 2019 - letto 942 volte

Chi si aspettava un esodo da Reggio Calabria, come auspicato dal tecnico Cevoli, rimarrà davvero deluso: i gruppi organizzati della Curva e gli Ultras della Reggina, infatti, non hanno la tessera del tifoso e la scelta di vendere i biglietti di questa partita soltanto ai possessori della tessera gli impedirà di osservare la partita allo stadio. Anche i tifosi del Catania che non hanno la tessera non potranno acquistare il biglietto, infatti difficilmente ci saranno più di 7/8 mila tifosi sugli spalti nonostante l’orario serale e l’appuntamento di cartello: la metà di quelli che domenica hanno gremito il Granillo, nonostante Catania conti quasi il doppio degli abitanti di Reggio Calabria (ma su questo pesa anche il momento non certo entusiasmante che vive la tifoseria etnea rispetto a quella amaranto che dall’arrivo del presidente Gallo ha ripreso grande slancio dopo anni bui).

I tifosi della Reggina che avevano acquistato il biglietto erano 61: si sono ritrovati al porto di Reggio Calabria per salire sulla nave che la società amaranto aveva organizzato per la trasferta, ma soltanto lì hanno scoperto che in realtà nessuno aveva pensato a come trasferirli da Messina a Catania. La società, infatti, aveva organizzato la nave per portare i tifosi da Reggio a Messina, ma poi avrebbero dovuto autonomamente raggiungere il Massimino. Così soltanto coloro che si sono potuti organizzare con le proprie automobili (14, appunto) hanno deciso di proseguire. Gli altri, pur avendo acquistato il biglietto, sono dovuti tornare a casa: davano per scontato che oltre alla nave ci fosse anche un bus che li avrebbe portati allo stadio.

Si sono vissuti anche momenti di tensione per la presenza degli Ultras che si erano recati al porto con l’intento di salire sulla nave pur non avendo (e non potendo acquistare) il biglietto. Le forze dell’ordine gliel’hanno impedito. In ogni caso, una brutta pagina di disorganizzazione e inefficienze. A rimetterci è ancora una volta lo sport, quello sano e pulito. In un calcio sempre più condizionato da decisioni amministrative deliberate a tavolino e dalla presenza di uomini in divisa per arginare le possibili ed eventuali intemperanze dei soliti facinorosi.

Notizie correlate Reggina
Altre notizie
10 Ottobre 2019 - Sono 17 i tifosi individuati e denunciati dalla Digos di Lecce per le violenze compiute l’8 settembre scorso nei pressi dello stadio...
10 Ottobre 2019 - Nove i daspo emessi dal questore di Trapani per le violenze in occasione della partita Marsala-Acireale. Gli ultrà si erano resi...
10 Ottobre 2019 - “Niente trasferta a Biancavilla per i tifosi del Palermo. La sfida di domenica pomeriggio sarà visibile dal vivo solamente per...
09 Ottobre 2019 - TEMPO SCADUTO...DIMOSTRARE! Questo è lo striscione esposto sabato sera dal settore ospiti a Genova, un popolo milanista esausto...
09 Ottobre 2019 - Un gesto nobile, sicuramente da mettere in risalto. Alcuni ultrà del Norimberga hanno infatti deciso di raccogliere dei fondi per un...
08 Ottobre 2019 - Arriva sui social la replica degli Ultras Ravenna ai tifosi della Triestina che ne avevano denunciato il comportamento poco rispettoso....
07 Ottobre 2019 - Un centinaio di tifosi del Bologna, a cui si sono aggiunti durante il cammino altri sostenitori, sono partiti questa mattina (ieri) per...
Stai ascoltando
Onair
   
Videotifo
Perugia - Ancona 2-1
perugiaa regna, l'anconetano bregna!!!! pesciarolo porellino!!!
DALE CAVESE .....
CURVA SUD CATELLO MARI
Cesena - Bologna 1-4  Ultras Bolognesi (4)
Il settore rossoblu al fischio finale
ITALIA - PORTOGALLO
Rugby Italia Portogallo, inno d'Italia.
Riminesi ad Arezzo
Riminesi ad arezzo (Rimini)

Calciomercato a cura di
TIFO-Net informa