[ Notizie ]
Prosciolti 8 ultras dell'Ancona per gli incidenti di Rimini
09 Luglio 2019 - letto 816 volte

Prosciolti per intervenuta prescrizione dei reati. Sospiro di sollievo per gli 8 ultras dell’Ancona finiti a processo dopo gli scontri con la polizia avvenuti il 9 ottobre 2011 a Rimini. La partita di serie D tra il Real Rimini e la vecchia Ancona 1905 dell’allora patron Andrea Marinelli (entrambe le società oggi non esistono più) finì 0-3, ma cominciò in ritardo per i tafferugli esplosi prima all’esterno e poi anche nella tribuna dello stadio “Neri”, sotto gli occhi di donne e bambini. Decine i sostenitori coinvolti: ne rimasero contusi 6, oltre a 2 poliziotti del Reparto Mobile di Bologna, e 8 furono identificati in seguito grazie alle telecamere, per poi essere denunciati a piede libero dalla Digos di Rimini e sottoposti a Daspo. 

Lo stadio, in quella che doveva essere una pacifica domenica di sport per una vittoria dell'Ancona sulla carta scontata, era blindato, benché la tifoseria di casa fosse praticamente inesistente: ma dal capoluogo dorico, dopo una serie di trasferte vietate per motivi di ordine pubblico, si erano mosse circa 400 persone. Secondo la versione della polizia, gli ultras, dopo aver lanciato 5 fumogeni dall’autobus che li trasferiva dalla stazione ferroviaria allo stadio, volevano “provocare” le forze dell’ordine, pretendendo di entrare con uno striscione non autorizzato (“Diffidati sempre presenti”). Fu quella la miccia che scatenò il caos. I poliziotti eseguirono delle cariche di alleggerimento, gli ultras risposero: volarono manganellate, cinghiate, seggiolini, aste di bandiera e un carrello di metallo fu spinto con violenza e colpì alla caviglia un agente scelto. Gli ultras, a favore dei quali si schierò l’allora sindaco Fiorello Gramillano invocando «chiarezza su fatti di ingiustificata violenza», hanno sempre sostenuto di aver subito un’aggressione deliberata e spropositata, considerato il contesto e il tenore della partita: questa la tesi degli avvocati che hanno chiesto l’assoluzione per gli 8 imputati.

L’assoluzione non è arrivata, in compenso l’iter giudiziario, durato 8 anni, si è dilatato al punto che il tribunale di Rimini, giovedì scorso, ha dichiarato prescritti i reati di lesioni personali aggravate, resistenza a pubblico ufficiale, lancio di fumogeni e danneggiamento di 42 poltroncine dello stadio Neri.

Notizie correlate Ancona
Altre notizie
26 Febbraio 2020 - Tifosi del Liverpool in quarantena dopo il viaggio di ritorno da Madrid, dove i reds hanno giocato lo scorso martedì l'andata...
26 Febbraio 2020 - Sessantanove anni complessivi di Daspo per dieci tifosi della Juvecaserta: la mano pesantissima della questura di Caserta si è...
26 Febbraio 2020 - Undici Daspo sono stati emessi dal Questore di Udine nei confronti di altrettanti tifosi considerati responsabili di fatti illeciti avvenuti...
26 Febbraio 2020 - La maxi-rissa tra baresi e leccesi accaduta domenica, all’altezza di Cerignola, avrà certamente delle conseguenze per le due...
24 Febbraio 2020 - Agguato di circa 150 ultrà del Bari ai tifosi del Lecce poco dopo mezzogiorno sull’autostrada Canosa-Napoli, all’altezza...
24 Febbraio 2020 - Scontri tra tifosi fuori dal Benelli domenica pomeriggio, circa un'ora prima del fischio d'inizio della partita tra il Ravenna e la...
24 Febbraio 2020 - Oltre mille tifosi della Puteolana saranno fatti uscire in ritardo dallo stadio Domenico Conte di Arco Felice al termine della gara del...
Stai ascoltando
Onair
   
Videotifo
Chievo e North Side
I momenti più significativi della storia recente del Chievo e del North Side
ULTRAS GROTTAGLIE play off vs barletta
ULTRAS GROTTAGLIE nei play-off contro il barletta
Milan Tifosi, Milan vs Liverpool Finale Stadium part 19
Milan fans in Athen, singing, Milan Tifosi Norvegesi, www.acmilan.no, siamo noi siamo noi di campioni del europa siamo noi
Cori stadio pre-partita Cesena-Modena 2-4 serie B 05-06 (38^
Cori di Curva Sud Modena allo stadio Manuzzi di Cesena.

Calciomercato a cura di
TIFO-Net informa