[ Notizie ]
Prosciolti 8 ultras dell'Ancona per gli incidenti di Rimini
09 Luglio 2019 - letto 426 volte

Prosciolti per intervenuta prescrizione dei reati. Sospiro di sollievo per gli 8 ultras dell’Ancona finiti a processo dopo gli scontri con la polizia avvenuti il 9 ottobre 2011 a Rimini. La partita di serie D tra il Real Rimini e la vecchia Ancona 1905 dell’allora patron Andrea Marinelli (entrambe le società oggi non esistono più) finì 0-3, ma cominciò in ritardo per i tafferugli esplosi prima all’esterno e poi anche nella tribuna dello stadio “Neri”, sotto gli occhi di donne e bambini. Decine i sostenitori coinvolti: ne rimasero contusi 6, oltre a 2 poliziotti del Reparto Mobile di Bologna, e 8 furono identificati in seguito grazie alle telecamere, per poi essere denunciati a piede libero dalla Digos di Rimini e sottoposti a Daspo. 

Lo stadio, in quella che doveva essere una pacifica domenica di sport per una vittoria dell'Ancona sulla carta scontata, era blindato, benché la tifoseria di casa fosse praticamente inesistente: ma dal capoluogo dorico, dopo una serie di trasferte vietate per motivi di ordine pubblico, si erano mosse circa 400 persone. Secondo la versione della polizia, gli ultras, dopo aver lanciato 5 fumogeni dall’autobus che li trasferiva dalla stazione ferroviaria allo stadio, volevano “provocare” le forze dell’ordine, pretendendo di entrare con uno striscione non autorizzato (“Diffidati sempre presenti”). Fu quella la miccia che scatenò il caos. I poliziotti eseguirono delle cariche di alleggerimento, gli ultras risposero: volarono manganellate, cinghiate, seggiolini, aste di bandiera e un carrello di metallo fu spinto con violenza e colpì alla caviglia un agente scelto. Gli ultras, a favore dei quali si schierò l’allora sindaco Fiorello Gramillano invocando «chiarezza su fatti di ingiustificata violenza», hanno sempre sostenuto di aver subito un’aggressione deliberata e spropositata, considerato il contesto e il tenore della partita: questa la tesi degli avvocati che hanno chiesto l’assoluzione per gli 8 imputati.

L’assoluzione non è arrivata, in compenso l’iter giudiziario, durato 8 anni, si è dilatato al punto che il tribunale di Rimini, giovedì scorso, ha dichiarato prescritti i reati di lesioni personali aggravate, resistenza a pubblico ufficiale, lancio di fumogeni e danneggiamento di 42 poltroncine dello stadio Neri.

Notizie correlate Ancona
Altre notizie
09 Luglio 2019 - Manca poco alla grande festa dei quarant'anni del Commando Ultras della Curva Nord di Carrara. Sabato 13 e domenica 14 agosto presso il...
08 Luglio 2019 - Oltre 500 persone alla cena organizzata per salvare l’Fc Ponsacco dal fallimento. Il club rossoblù martedì della scorsa...
05 Luglio 2019 - La società è in crisi, è già stata retrocessa dalla Lega Pro alla serie D e non si sa neppure se riuscirà...
03 Luglio 2019 - È partita da Porta San Jacopo la manifestazione organizzata da due gruppi della tifoseria Vecchia Ovest e Lucca Youth per chiedere al...
02 Luglio 2019 - Non poteva passare certo inosservata l’acquisizione del titolo dell’Igea Virtus da parte dell’SSD Milazzo e i tifosi...
02 Luglio 2019 - Dopo diversi anni nei quali il movimento ultras a Vasto ha conosciuto degli alti e bassi, si è imbattuto in gioie e dolori, ha...
Stai ascoltando
Onair
   
Videotifo
Villareal vs Fiorentina (Inno Viola)
Prepartita Villareal-Fiorentina inno viola. (25/10/07)
Mantova - Bologna 2006-07 Ultras Bolognesi
Ultras Bolognesi al casello di Mantova esultano dopo la vittoria della loro squadra
Hellas Verona Curva Sud, Aprite le Porte
Tireve via davanti che passa i veronesi che batte tutti quanti! no gh'è napoletani e gnanca milanesi che batte i veronesi al zugo del balòn, balòn, balòn...
Napoli - Genoa 29/01/07 - Gemellaggio (2)
Giro della pista al San Paolo di tifosi di Napoli e Genoa gemellati dal 1982

Calciomercato a cura di
TIFO-Net informa