[ Notizie ]
Prosciolti 8 ultras dell'Ancona per gli incidenti di Rimini
09 Luglio 2019 - letto 707 volte

Prosciolti per intervenuta prescrizione dei reati. Sospiro di sollievo per gli 8 ultras dell’Ancona finiti a processo dopo gli scontri con la polizia avvenuti il 9 ottobre 2011 a Rimini. La partita di serie D tra il Real Rimini e la vecchia Ancona 1905 dell’allora patron Andrea Marinelli (entrambe le società oggi non esistono più) finì 0-3, ma cominciò in ritardo per i tafferugli esplosi prima all’esterno e poi anche nella tribuna dello stadio “Neri”, sotto gli occhi di donne e bambini. Decine i sostenitori coinvolti: ne rimasero contusi 6, oltre a 2 poliziotti del Reparto Mobile di Bologna, e 8 furono identificati in seguito grazie alle telecamere, per poi essere denunciati a piede libero dalla Digos di Rimini e sottoposti a Daspo. 

Lo stadio, in quella che doveva essere una pacifica domenica di sport per una vittoria dell'Ancona sulla carta scontata, era blindato, benché la tifoseria di casa fosse praticamente inesistente: ma dal capoluogo dorico, dopo una serie di trasferte vietate per motivi di ordine pubblico, si erano mosse circa 400 persone. Secondo la versione della polizia, gli ultras, dopo aver lanciato 5 fumogeni dall’autobus che li trasferiva dalla stazione ferroviaria allo stadio, volevano “provocare” le forze dell’ordine, pretendendo di entrare con uno striscione non autorizzato (“Diffidati sempre presenti”). Fu quella la miccia che scatenò il caos. I poliziotti eseguirono delle cariche di alleggerimento, gli ultras risposero: volarono manganellate, cinghiate, seggiolini, aste di bandiera e un carrello di metallo fu spinto con violenza e colpì alla caviglia un agente scelto. Gli ultras, a favore dei quali si schierò l’allora sindaco Fiorello Gramillano invocando «chiarezza su fatti di ingiustificata violenza», hanno sempre sostenuto di aver subito un’aggressione deliberata e spropositata, considerato il contesto e il tenore della partita: questa la tesi degli avvocati che hanno chiesto l’assoluzione per gli 8 imputati.

L’assoluzione non è arrivata, in compenso l’iter giudiziario, durato 8 anni, si è dilatato al punto che il tribunale di Rimini, giovedì scorso, ha dichiarato prescritti i reati di lesioni personali aggravate, resistenza a pubblico ufficiale, lancio di fumogeni e danneggiamento di 42 poltroncine dello stadio Neri.

Notizie correlate Ancona
Altre notizie
23 Settembre 2019 - Abbiamo atteso la fine dei play off. Abbiamo atteso la campagna acquisti per la nuova stagione e la campagna abbonamenti. Abbiamo osservato...
23 Settembre 2019 - Dopo le notifiche di una serie di Daspo e le restrizioni sulle trasferte, gli ultras del Brindisi annunciano lo sciopero del tifo. A...
23 Settembre 2019 - Piovono Divieti di accesso alle manifestazioni sportive (Daspo) contro gli ultrà dell’Atalanta e della Fiorentina. Sono nove i...
23 Settembre 2019 - Circa 300 persone hanno risposto all'appello della Viareggio Ultras in difesa del calcio cittadino, che sta attraversando la sua fase...
23 Settembre 2019 - A seguito dei fatti di Pisa-Brescia, ad Empoli, furono diffidati oltre ottanta appartenenti alla Curva Nord, alcuni per cinque / otto anni e...
23 Settembre 2019 - Ci sono gemellaggi storici che si sono consolidati nel tempo, altri che negli anni si sono trasformati in fortissime rivalità....
20 Settembre 2019 - Domani la Juventus dovrebbe affrontare l'Hellas Verona senza il supporto degli ultras della Curva Sud. Prevista infatti una...
Stai ascoltando
Onair
   
Videotifo
Lucchese Pisa rientro in motorino
lucchese pisa ultras rientrano a pisa in motorino
Sampdoria Ultras.
The fantastic Sampdoria Ultras. Courtesy of Riviera1988.
Esultanza per Sabri Sarioglu
Il capitano esulta dirigendo il coro dei propri tifosi
chievo fiorentina - Viola Ultras
Viola Ultras Fiorentina (Collettivo Autonomo Viola)
Juventus x Milan 2005/2006
JUVENTUS 0 x 0 MILAN This video is about a game between JUVENTUS and MILAN for the Italian Championship 2005/2006 occurred in the DELLE ALPI stadium. The...

Calciomercato a cura di
TIFO-Net informa