[ Notizie ]
Catania-Reggina: rimangono a casa anche i tifosi ospiti che avevano il biglietto
17 Maggio 2019 - letto 1208 volte

Chi si aspettava un esodo da Reggio Calabria, come auspicato dal tecnico Cevoli, rimarrà davvero deluso: i gruppi organizzati della Curva e gli Ultras della Reggina, infatti, non hanno la tessera del tifoso e la scelta di vendere i biglietti di questa partita soltanto ai possessori della tessera gli impedirà di osservare la partita allo stadio. Anche i tifosi del Catania che non hanno la tessera non potranno acquistare il biglietto, infatti difficilmente ci saranno più di 7/8 mila tifosi sugli spalti nonostante l’orario serale e l’appuntamento di cartello: la metà di quelli che domenica hanno gremito il Granillo, nonostante Catania conti quasi il doppio degli abitanti di Reggio Calabria (ma su questo pesa anche il momento non certo entusiasmante che vive la tifoseria etnea rispetto a quella amaranto che dall’arrivo del presidente Gallo ha ripreso grande slancio dopo anni bui).

I tifosi della Reggina che avevano acquistato il biglietto erano 61: si sono ritrovati al porto di Reggio Calabria per salire sulla nave che la società amaranto aveva organizzato per la trasferta, ma soltanto lì hanno scoperto che in realtà nessuno aveva pensato a come trasferirli da Messina a Catania. La società, infatti, aveva organizzato la nave per portare i tifosi da Reggio a Messina, ma poi avrebbero dovuto autonomamente raggiungere il Massimino. Così soltanto coloro che si sono potuti organizzare con le proprie automobili (14, appunto) hanno deciso di proseguire. Gli altri, pur avendo acquistato il biglietto, sono dovuti tornare a casa: davano per scontato che oltre alla nave ci fosse anche un bus che li avrebbe portati allo stadio.

Si sono vissuti anche momenti di tensione per la presenza degli Ultras che si erano recati al porto con l’intento di salire sulla nave pur non avendo (e non potendo acquistare) il biglietto. Le forze dell’ordine gliel’hanno impedito. In ogni caso, una brutta pagina di disorganizzazione e inefficienze. A rimetterci è ancora una volta lo sport, quello sano e pulito. In un calcio sempre più condizionato da decisioni amministrative deliberate a tavolino e dalla presenza di uomini in divisa per arginare le possibili ed eventuali intemperanze dei soliti facinorosi.

Notizie correlate Reggina
Altre notizie
29 Ottobre 2020 - Cosa significa essere ultras? Essere ULTRAS significa essere a difesa della città, in ogni Suo aspetto e sfaccettatura. Essere...
27 Ottobre 2020 - “Avete distrutto la pescaresità...Fuori da questa città”. Recita così uno striscione della tifoseria...
27 Ottobre 2020 - Non è un periodo semplice per la Cavese. Dopo la sconfitta contro il Monopoli per 0-1, alcuni esponenti della tifoseria si sono...
22 Ottobre 2020 - Ancora una volta siamo costretti ad alzare la voce. Ancora una volta in questa Città è difficile investire o fare sport....
16 Ottobre 2020 - Curva Nord Ancona comunica che, viste e considerate le nuove normative di accesso allo stadio uscite nell'ultimo decreto, ha deciso di...
15 Ottobre 2020 - Un momento non facile per l'Arezzo, che in campionato non sembra aver ancora trovato la giusta quadra: un solo punto in quattro gare e...
13 Ottobre 2020 - Nonostante la vittoria con il Potenza, alcuni ultras rossoneri hanno manifestato davanti al comune l’attuale società....
Stai ascoltando
Onair
   
Videotifo
SPETTACOLO A FIRENZE FIORENTINA-RANGERS!!
BY ALESSANDRO, ANTONELLO, ANDREA, FABIO.
La Curva Sud Lauro Minghelli durante Arezzo-Pordenone 1-0
La Curva Sud "Lauro Minghelli" durante Arezzo-Pordenone 1-0
Vivo per lei....BARI
Matarrese siamo stanchi di te....
Pisa-Monza 17 Giugno 2007 - SERIE B !
La clip multimediale delle foto

Calciomercato a cura di
TIFO-Net informa