[ Notizie ]
Atalanta-Fiorentina, assalti ultrà contro la polizia
26 Aprile 2019 - letto 2542 volte

Una quindicina di agenti feriti, un tifoso viola denunciato e quattro bergamaschi in questura per accertamenti. È il bilancio dei tafferugli che hanno fatto da cornice ad Atalanta-Fiorentina, terminata con la vittoria dei nerazzurri e la qualificazione alla finale di Coppa Italia.

Una festa rovinata da quanto accaduto prima e dopo la partita con diversi assalti da una parte e dall’altra nei confronti delle forze dell’ordine, schierate con circa 300 uomini tra polizia, carabinieri e guardia di finanza.

Si comincia poco prima delle 19, quando un centinaio di ultrà bergamaschi, con volti travisati, assaltano il cordone di agenti a presidio di viale Giulio Cesare. Viene lanciato di tutto: sassi, bulloni, bottiglie di birra. I poliziotti sparano diversi lacrimogeni per contenere l’offensiva. L’aria è irrespirabile. In quattro vengono fermati e condotti in questura per essere identificati.

In supporto intervengono anche altri uomini, che arrivano da piazzale Oberdan dove erano schierati per controllare l’arrivo dei pullman dei tifosi viola, attesi in duemila a Bergamo. Così lì rimangono solo pochi celerini. I toscani si accorgono del caos e ne approfittano per scendere dai bus, da tre mezzi in particolare, e lanciare a loro volta di tutto contro le forze dell’ordine.

A questo punto, sempre prima del fischio d’inizio, i tafferugli si spostano nella zona dello stadio occupata dai tifosi viola, che non vedendo arrivare tre dei loro pullman, ipotizzano che siano stati fermati. Così cercano di sfondare i cancelli per entrare in contatto con il cordone di polizia. La tensione è altissima. Anche qui c’è un fitto lancio di oggetti e la risposta con i lacrimogeni, oltre ad alcune cariche.

Inizia la partita. All’interno dello stadio le tifoserie si limitano a qualche coro di scherno. Ma al termine è ancora tensione. I sostenitori toscani prima lanciano alcune bottiglie contro gli agenti, poi sfondano un cancello per provare ad assalire i bergamaschi, che stanno festeggiando la vittoria nella zona del Baretto. Un fiorentino, in preda ai fumi dell’alcol, da solo cerca il contatto con le forze dell’ordine schierate. Viene denunciato.

Alla fine sono una quindicina gli uomini delle forze dell’ordine costretti a recarsi in ospedale. Uno di loro con una prognosi di trenta giorni.

Notizie correlate Atalanta
Altre notizie
03 Giugno 2020 - In seguito all’uscita sul Gazzettino di oggi della notizia secondo cui a causa della partenza dei lavori della bretella ferroviaria di...
27 Maggio 2020 - La sospensione dei campionati nel marzo scorso e le conseguenti limitazioni dovute alle problematiche del Covid 19 ci hanno portato a fare...
27 Maggio 2020 - In vista della ripresa del campionato (prevista per inizio giugno) i tifosi della Lokomotiv Plovdiv hanno chiesto alla Federcalcio bulgara...
27 Maggio 2020 - “Pulvirenti libera il Catania, la storia non ti appartiene”: striscione solidale esposto dai tifosi del Genoa ‘Via Armenia...
26 Maggio 2020 - Durissimo comunicato congiunto da parte di tutti i gruppi ultras dell'Olympique Marsiglia, che ancora una volta invitano il...
21 Maggio 2020 - Il calcio a Trani rinasce, con esso anche la passione dei suoi tifosi. Sorge un nuovo gruppo ultras, come riportato da un comunicato diffuso...
15 Maggio 2020 - La Curva Fiesole, tramite un comunicato pubblicato poco fa sui social, ha preso la sua posizione a proposito dell'eventuale ripartenza...
Stai ascoltando
Onair
   
Videotifo
MANIFESTAZIONE NAZIONALE ULTRAS IN ANCONA 28 APRILE
MANIFESTAZIONE IN ANCONA 28 APRILE 2007, no al decreto amato perche' non dobbiamo chiedere il permesso a nessuno per essere liberi
13 anni....
Coro stadio
Ultras JUVENTINI a Udine coro
Tifosi JUVENTUS in trasferta a Udine "Un giorno all'improvviso, mi innamorai di te, il cuore mi batteva, non chiedermi il perché, di tempo ne è passato, ma...
Napoli-Genoa (1999): prepartita in Curva B
Tratto dal documentario sui Fedayn Napoli, EAM estranei alla massa.

Calciomercato a cura di
TIFO-Net informa