[ Notizie ]
Stefano Furlan, il ricordo degli ultras trentacinque anni dopo
11 Febbraio 2019 - letto 497 volte

Sono trascorsi trentacinque anni, eppure nelle Curve italiane il ricordo di Stefano Furlan è sempre fulgido. Durante Salernitana-Benevento, friday night della quarta giornata di ritorno della serie B, entrambe le tifoserie campane hanno onorato la memoria del supporter della Triestina passato alla storia per una tragica vicenda che, nel 1984, lo vide sfortunato protagonista.

L’8 febbraio di trentacinque anni fa, infatti, al termine di un derby di Coppa Italia tra Triestina e Udinese disputato al “Grezar”, vecchio impianto sportivo di Trieste, Stefano Furlan si trovò nel posto sbagliato, al momento sbagliato. Nel post match tra alabardati e friulani, anche se non si registrarono particolari momenti di tensione tra opposte fazioni, si verificò uno spiacevole episodio a causa di una carica delle forze dell’ordine. Stefano si trovò nel bel mezzo dell’azione perpetrata dagli agenti, uno in particolare, che con il manganello si rese protagonista negativo di quella serata.

L’uomo in divisa, di soli tre anni più grande del 20enne supporter alabardato, non riuscì a moderare la propria foga, colpendo ripetutamente Furlan che, privo di coscienza, fu trasportato in ospedale. Dopo venti giorni d’agonia trascorsi nel nosocomio cittadino, Furlan perse la vita, gettando nello sconforto l’intera comunità triestina. La data che purtroppo passò alla storia, per il tifo triestino ed in generale per il movimento curvaiolo nazionale, fu proprio quella dell’8 febbraio 1984. Stefano Furlan, secondo le testimonianze di amici e parenti, frequentava abitualmente la Curva di Trieste ma non apparteneva ai gruppi ultras. Da allora, il ragazzo triestino è divenuto però icona degli ultras alabardati, i quali dai gradoni dello stadio “Nereo Rocco” inneggiano sempre al suo nome.

Quella di Furlan, a distanza di trentacinque anni, è ancora una ferita aperta, che sanguina senza possibilità di rimarginarsi. Per molto tempo, infatti, gli ultras alabardati hanno invocato giustizia e verità per Stefano ma dal punto di vista giudiziario, la vicenda si concluse con la condanna ad un solo anno di reclusione con i benefici della legge per l’agente implicato, con il reato di “eccesso colposo nell’uso legittimo di armi”. Un epilogo di una triste storia che ha lasciato l’amaro in bocca ad amici e familiari di Stefano, che però hanno trovato nel mondo del tifo la massima vicinanza e solidarietà. Il direttivo della Curva alabardata – che porta proprio il nome di Stefano Furlan – ogni anno tiene vivo il suo ricordo con iniziative che possano permettere anche ai più giovani di conoscere la vicenda ma da Nord a Sud, tanti sono stati gli striscioni in ricordo del tifoso triestino. Dalle Curve gemellate a quelle rivali, passando per tifoserie senza particolari rapporti con i triestini, la memoria di Stefano Furlan è stata tramandate ed onorata.
Perchè nelle tragedie i colori non contano ed anche trentacinque anni dopo, è importante tener vivo il ricordo d’un ragazzo come tanti, con una fede calcistica, che sognava semplicemente di crescere e diventar uomo.

Notizie correlate Triestina
Altre notizie
12 Febbraio 2019 - Gli Ultras 1898, dopo i Daspo comminati nel corso della gara di Palermo dello scorso 27 dicembre, comunicano ufficialmente la loro posizione...
12 Febbraio 2019 - Durante l’ultima partita di campionato del Parma, quella di sabato sera contro l’Inter al Tardini, sono stati fermati dei tifosi...
11 Febbraio 2019 - L’Udinese sprofonda in classifica, mail club bianconero invece di cercare di compattare l’ambiente sembra aver scelto la strada...
11 Febbraio 2019 - Un derby sospeso per un'invasione di campo dei tifosi locali. È accaduto sabato, tra la Real Sant'Egidio e l'Atletico San...
11 Febbraio 2019 - Un brutto episodio durante la sfida tra Southampton e Cardiff. Due tifosi della squadra di casa sono stati sorpresi a mimare il volo di un...
11 Febbraio 2019 - Gli animi hanno iniziato a riscaldarsi prima del fischio d'inizio della partita Teramo-Rimini quando, intorno alle 18 di sabato, le...
11 Febbraio 2019 - C’è aria di seria rottura tra la parte più accesa della tifoseria catanese e il Calcio Catania. I sostenitori...
Stai ascoltando
Onair
   
Videotifo
Greatest YNWA ever
You'll never walk alone when liverpool beat chelsea in the champions league semi final
Ita-Ger 2-0 - Carosello Lucca (3) - FIFA World Cup 2006
4 luglio 2006 - Caroselli a Lucca dopo la vittoria degli azzurri contro la Germania padrona di casa!
Tifosi pazzi a Messina - 9 luglio 2006
Corteo di macchine a messina su via garibaldi. Italia - Francia, CAMPIONI DEL MONDO!
Vecchie Emozioni AS Bari
Nella speranza di ritornare grandi e di riprovare certe emozioni indimenticabili!Forza Bari x tutta la vita! (BARI)

Calciomercato a cura di
TIFO-Net informa